Ciro Frulio, Torre del Greco (NA), anni 18. Piccolo di camera. 

Quarto di otto figli, cominciò a lavorare molto presto, sin dai 15 anni, età in cui cominciò a preparare quello che veniva chiamato “libretto di mare“. Nonostante sua madre fosse contraria a questa sua scelta cominciò la carriera da marittimo, lo fece per permettere lei di acquistare casa e di aprire un negozio coi suoi fratelli. All’età di 16 anni compì il primo imbarco, partendo da Castellammare di Stabia, della durata di quattro mesi, ma terminò perché sua madre, ancora preoccupata per lui, finse di essere malata e gli mandò un telegramma chiedendogli di tornare. Dopo questa esperienza entrò in Nav.Ar.Ma. Lines e cominciò col Moby King facendo anche un imbarco di tre mesi sul Moby Prince nel 1990, dove comunque si trovava ottimamente. Il 29 Aprile 1991 doveva cominciare il servizio di leva previsto dallo Stato italiano, lui era a bordo da meno di un mese per il suo ultimo imbarco, il 10 Aprile non scese più. La sua salma, numero 8, è stata trovata sul Ponte Sole 2, sul lato poppiero, insieme a quelle dei suoi colleghi membri della squadra antincendio. Tutt’ora è ricordato come una persona estremamente solare e scherzosa, col suo sorriso che mai verrà dimenticato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *