Marco Andreazzoli, Ortonovo (SP), anni 28. Passeggero.

La vita di Marco è stata particolarmente piena, sin da giovanissimo. E’ sempre stato amante dello sport, ha infatti provato a giocare a calcio ma con scarsi risultati, ha poi tentato col ciclismo ottenendo diverse vittorie, tra cui un campionato regionale. Studiò ingegneria meccanica all’ITIS di La Spezia, tuttavia ebbe una grossa mazzata perché essendo deceduto uno zio dovette aiutare la famiglia. Entrò così nel mondo del lavoro (commercio) muovendo i primi passi come venditore ambulante di alimentari e come macellaio, tuttavia il sorgere dei supermercati portò al suo fallimento. L’ultima strada imboccata fu il settore del marmo, lavorò infatti come fornitore di utensili per conto di un’azienda di Milano, mestiere che lo portò a girare il mondo, arrivò perfino in America, India, Pakistan e Londra per imparare l’inglese. Per quanto riguarda l’Italia aveva una grossa fetta di clientela in Sardegna e fu proprio questo il motivo della sua partenza il 10 Aprile 1991, scelse di partire con il suo amico Cesare Romboni, conosciuto presso la sua officina. I due, dopo aver completato una commissione di Marco, sarebbero andati a vedere il Rally della Costa Smeralda. Marco avrebbe inoltre sposato la sua fidanzata Paola il 20 Aprile, era infatti tutto pronto per le nozze. La sua salma, numero 66, è stata trovata all’interno del corridoio cabine di seconda classe di dritta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *